Fotografie con esposizione sino a 3 anni di Michael Wesely

Risulta difficile credere che un fotografo sia in grado di creare con successo una fotografia con tre anni di lunga esposizione su un solo fotogramma singolo. Tuttavia, il fotografo tedesco Michael Wesely ha dimostrato come sia possibile comporre delle immagini di questo tipo ed ha realizzato una serie intitolata “Shutter Open” – “obiettivo aperto”. Wesely ha trascorso gran parte della sua carriera lavorando su tecniche di ripresa che consentano esposizioni di una lunghezza impensabile, arrivando appunto a immortalare soggetti durante il loro divenire sino a 3 anni di tempo. A metà del 1990, ha iniziato a fotografare progetti di costruzione e lo sviluppo architettonico degli edifici non con la tecnica (allora poco sconociuta) del time lapse, ma con esposizioni lunghe interi anni.

Il risultato finale è una fotografia composta da fantasmi di costruzione di edifici, strisce di sole insieme a ombre di persone e cose che attraversano la scena nel corso del tempo. Ogni fotografia è un ricordo vivente del tempo, del luogo, e delle persone che hanno oltrepassato almeno una volta lo spazio, mentre gli edifici circostanti risultano essere invece nitidi e chiari grazie alla loro presenza costante sul luogo. Le fotografie sono quindi una sperimentazione di una tecnica fotografica nuova e al tempo stesso unica realizzata grazie alla pellicola.

MichaelWesely6 MichaelWesely5 MichaelWesely4 MichaelWesely3 MichaelWesely2 michael-wesely-open-shutter-long-exposures vart

 

Sauna Design

ok, oggi non voglio nè sentire che vedere nessuno….a quanto pare qualcuno è riuscito a realizzare un posto dove il tempo riesce a fermarsi.
Siamo in Canada, precisamente sul lago Huron, le baie georgiane.
Il perfetto razionalismo dell’esterno, si integra con l’ambiente circostante, freddo e grigio, mentre il suo interno diventa come un grembo materno caldo e rassicurante, completamente curvilineo, in legno vivo.

Ammettono anche i progettisti che sono state molteplici le difficoltà incontrate, dalla stabilità estena sulla parete di granito, alla realizzazione di complesse pannellature curve, per le quali è stata interpellata la MCM, con sede a Toronto, esperta in tecnologia 3D avanzata specializzata nella modellazione e la costruzione degli interni.

Il team ha cercato un Cedro locale per realizzare queste pannellature, differenti l’una dall’altra, quasi come a formare un puzzle, le quali aperture sono come dei pezzi mancanti.

Oggi dai paesi più vicini, si aspetta il week end per godersi questa “bolla” che sembra galleggiare in un ambiente quasi statico ed impenetrabile.

11-Grotto-Bernyk-Partisans_vart 01-Grotto-Bernyk-Partisans_vart 02-Grotto-Bernyk-Partisans_vart 03-Grotto-Bernyk-Partisans_vart 04-Grotto-Bernyk-Partisans_vart 08-Grotto-Bernyk-Partisans_vart

Churches – Silvio Medeiros

“Ormai è stato tutto inventato”…..ebbene si, forse è questo quello che spesso ci ripetiamo, per giustificare alcuni nostri comportamenti…in realtà per fortuna non tutti ragionano cosi, riuscendo a trasformare “cose” che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni, in splendide opere d’arte, Continua a leggere

L’enoteca dei sogni. Entriamo nel mondo Mistral

Area relax, area degustazione, banconi interattivi, cantina ed un’esposizione da lasciare senza fiato. Per gli amanti di vini e champagne lo studio Arthur Casas progetta il Mistral Wine & Champagne Bar.
Sorge a San Paolo il nuovo Mistral Wine & Champagne Bar ad opera dello studio brasiliano Arthur Casas maestri dell’architettura di interni. Continua a leggere

UN MINI APPARTAMENTO NELLA GRANDE MELA: APPENA 22 METRI QUADRATI CON TANTO DI LIBRERIA, LAVATRICE E CAMINO

Nell’architettura moderna una delle sfide più gettonate, è quella di organizzare piccoli spazi nel modo migliore, e Tim Seggerman ha preso di petto questa sfida e l’ha vinta a mani basse.

L’architetto di New York ha ristrutturato un minuscolo spazio di appena 22 metri quadri nell’Upper West Side, riuscendo a renderlo un appartamento perfettamente vivibile e anche con un certo stile.

Continua a leggere

UN PROGETTO PER SALVAGUARDARE L’ECOSISTEMA DELLA FORESTA AMAZZONICA

Costantemente minacciato da nemici del calibro di incendi, biopirateria e disboscamento illegale, il delicato ecosistema della foresta tropicale più grande del mondo è sempre più a rischio ed ha un crescente bisogno di protezione.

Il cosiddetto ‘polmone verde della terra’ è l’ecosistema più ricco al mondo di specie animali e vegetali: ospita un terzo della popolazione aviaria del mondo, oltre 500 specie di mammiferi, 175 specie di lucertole e oltre 30 milioni di tipi di insetti.

Continua a leggere

L’ELFO BIANCO E IL SUO RIFUGIO ECO-COMPATIBILE

L’architettura eco-compatibile è sempre più in voga e, senza dubbio alcuno, necessaria.
Noi personalmente la troviamo anche stilosa e le soluzioni offerte dagli architetti che ne sono promotori sono sempre intelligenti e funzionali.

Continua a leggere

CASE PREFABBRICATE TIND: TUTTO LO STILE NORDICO IN ECONOMIA

I ragazzi dello studio di Stoccolma Claesson Koivisto Rune hanno fatto squadra con quelli di Fiskarhedenvillan e hanno progettato una serie di prefabbricati dallo stile decisamente scandinavo: i residences Tind (termine norvegese che significa picco).

Continua a leggere

ARCHITETTURA FOLLE: PERTH ARENA, LO STADIO-PUZZLE

Il 10 novembre 2012 è stata inaugurata la Perth Arena, uno stadio multifunzionale che si trova su Wellington Street, al centro della città australiana di Perth.

La particolarità del palazzetto polisportivo, che nasce come stadio per le partite casalinghe della squadra di pallacanestro cittadina, i Perth Wildcat, ma a seconda del caso si può trasformare in stadio da tennis o in sede per concerti, risiede sicuramente nel suo aspetto.

perth-arena-02

Continua a leggere

IN VACANZA SULLA CASA SULL’ALBERO

Se avete bisogno di una vacanza rilassante e rigenerante, nel pieno rispetto dell’ambiente e in totale connessione con la natura, vi consigliamo vivamente di andare negli USA.
Per la precisione la vostra destinazione sarà Preston-Fall City, nello stato di Washington, dove i coniugi Pete e Judy Nelson sono proprietari di un albergo chiamato Treehouse Point, una struttura composta da 5 case, ognuna con un nome diverso che ne descrive la differente natura, interamente costruite in legno e arroccate sugli alberi.

Continua a leggere