Keng Lye

Che crudeltà vi starete chiedendo…..ebbene no…..è ancora una volta il vostro senso preferito ad essere ingannato, la vista, con delle opere incredibili di un artista proveniente da Singapore, Keng Lye, che dipinge su sottili strati di resina liquida, rendendo reali, creature sinuose marine.

Grazie alla sua tecnica e ad alcune nozioni di propettiva, riesce ad ingannare anche gli osservatori più esperti, per questo vi mostriamo una serie di foto, alcune anche ravvicinate, in modo da farvi apprezzare al meglio alcune sue opere.

kenglye_ kenglye_1

kenglye_8 kenglye_2 kenglye_3 kenglye_5 kenglye_6 kenglye_7
kenglye_9
kenglye_10

John Holcroft Quando un’illustrazione vale più di mille parole:

Dopo l’ultimo articolo in clima natalizio, eccone qui un altro molto meno affine al Christmas mood e decisamente più dissacrante nei confronti della società moderna e dell’uomo moderno.
Lui è John Holcroft, fenomenale grafico britannico, che grazie al suo talento esplicito, vibrante e del tutto fuori dagli schemi, negli ultimi quindici anni ha lavorato con clienti di un certo livello, come la BBC, il Guardian e l’Economist.
Il suo stile personale prende forma dopo un’operazione alla schiena che lo costringe a un lungo periodo di inattività durante il quale volge il suo sguardo critico verso i diktat della società moderna che reprime, inscatola, preconfeziona il libero arbitrio. Il tutto letto in chiave satirica.
Il suo stile risulta sgargiante ma anche un po’ retrò, ricorda molto le illustrazioni anni 50 e le prime pubblicità su carta stampata. Le sue immagini vanno a criticare la società presente anche su ciò che la condiziona maggiormente, i social media e lo show business.
John Holcroft ci ricorda il (poco) valore che tutti noi attribuiamo al pianeta su cui viviamo, agli altri e alle loro vite. E, con tutta probabilità, anche alla nostra.

C.C.

John Holcroft John Holcroft John Holcroft John Holcroft John Holcroft John Holcroft John Holcroft John Holcroft John Holcroft John Holcroft John Holcroft John Holcroft John Holcroft John Holcroft John Holcroft

Chase Halland

Ebbene si, anche noi entriamo in clima natalizio presentandovi uno dei simboli delle feste, la renna, alce.

La vecchia moda di esporre trofei nei propri salotti è stata presa di mira da molteplici rivisitazioni ed artisti, ognuno con elementi e materiali diversi.

Oggi parliamo di Chase Halland, che di questa moda ha fatto la sua fortuna, reinventando oggetti che riempivano case e casali in tutto il mondo, la sua chiave di lettura è singolare, quanto a volte agghiacciante, poiche si alterna una struttura in stoffa, rigorosamente fatta a mano, con dei dettagli realistici, come gli occhi.

 

Forse l’intento dell’artista è anche quello di far riflettere su come una moda del passato non debba per forza essere buttata nel dimenticatoio, ma puo essere fonte di inspirazione, o semplicemente indice di come la società continua a cambiare…….meglio? o forse peggio?

chase halland1 chase halland2 chase halland3 chase halland4 chase halland5 chase halland6 chase halland7 chase halland8 chase halland9 chase halland10 chase halland11 chase halland12 chase halland13 chase halland14

Ben Heine

A volte la realtà ci può sembrare monotona, priva di un particolare che la renda più interessante o semplicemente più viva.
Ben Heine ha trovato un’interessante soluzione creativa che non solo gli ha permesso di vivacizzare ciò che i suoi occhi incontravano durante la giornata, ma soprattutto gli permette di plasmare la realtà a suo piacimento. Aggiungendo e eliminando dettagli in completa libertà!
Se si svolge un lavoro artistico, ci si può trovare davanti alla fatidica domanda.”faccio una foto o disegno da me?” Ecco, c’è una soluzione. Perché dover scegliere quando si può fare entrambe le cose reinterpretando la realtà stessa? Questo è quello che dovrà aver pensato Ben Heine quando ha iniziato a realizzare le sue opere che sono un mix geniale fra disegno e fotografia.
Questo giovane artista belga, fotografo e illustratore, ha realizzato delle immagini dove la sua visione astratta della realtà rappresentata a matita su carta, si sovrappone sapientemente alla fredda oggettività della macchina fotografica. Sono nate cosi splendide immagini che segnano una linea sottile fra ciò che è vero e ciò che è immaginato.

C.C.

Ben Heine Ben Heine Ben Heine Ben Heine Ben Heine Ben Heine Ben Heine Ben Heine image_8 Ben Heine Ben Heine Ben Heine Ben Heine Ben Heine Ben Heine Ben Heine

Li Hongbo

L’arte può essere di ogni materiale, in ogni forma, lo sappiamo. Ma quando l’opera d’arte in questione ha una forma classica e un materiale insolito, li nasce l’innovazione.
Ne sa qualcosa Li Hongbo, artista e scultore cinese che ha deciso di non usare il marmo per le sue sculture bensì carta. Niente di più comune e povero, avete capito bene: semplice carta. Ma ripiegata su seimila strati.
Ha creato così un mix spettacolare fra la scultura classica marmorea e
“pesante” e la leggerezza, flessibilità, morbidezza che solo la carta può regalare. Tra le opere realizzate da Hongbo ci sono anche copie celebri, come per esempio il David di Michelangelo.

C.C.

Foto 03-12-14 14 58 40 Foto 03-12-14 14 58 41 (1) Foto 03-12-14 14 58 41 (2) Foto 03-12-14 14 58 41 Foto 03-12-14 14 58 42 Foto 03-12-14 14 58 39 (1) Foto 03-12-14 14 58 39 Foto 03-12-14 14 58 40 (1)


 

15 frasi da non dire ad un fotografo

Chi non si è mai sentito dire, o peggio ha detto una di queste frasi ad un fotografo, rischiando il linciaggio.
Oggi i ragazzi di Picame, si sono dedicati a questa categoria, bersagliata, non solo dai clienti, ma anche da amici, parenti, fidanzati, fotografi improvvisati, ecc ecc..

Cari romani sappiamo entrambi che possiamo fare di meglio 😉

 

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart2

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart3

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart4

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart5

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart6

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart7

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart8

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart9

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart10

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart11

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart12

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart13

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart14

frasi-da-non-dire-al-fotografo-vart15

Sauna Design

ok, oggi non voglio nè sentire che vedere nessuno….a quanto pare qualcuno è riuscito a realizzare un posto dove il tempo riesce a fermarsi.
Siamo in Canada, precisamente sul lago Huron, le baie georgiane.
Il perfetto razionalismo dell’esterno, si integra con l’ambiente circostante, freddo e grigio, mentre il suo interno diventa come un grembo materno caldo e rassicurante, completamente curvilineo, in legno vivo.

Ammettono anche i progettisti che sono state molteplici le difficoltà incontrate, dalla stabilità estena sulla parete di granito, alla realizzazione di complesse pannellature curve, per le quali è stata interpellata la MCM, con sede a Toronto, esperta in tecnologia 3D avanzata specializzata nella modellazione e la costruzione degli interni.

Il team ha cercato un Cedro locale per realizzare queste pannellature, differenti l’una dall’altra, quasi come a formare un puzzle, le quali aperture sono come dei pezzi mancanti.

Oggi dai paesi più vicini, si aspetta il week end per godersi questa “bolla” che sembra galleggiare in un ambiente quasi statico ed impenetrabile.

11-Grotto-Bernyk-Partisans_vart 01-Grotto-Bernyk-Partisans_vart 02-Grotto-Bernyk-Partisans_vart 03-Grotto-Bernyk-Partisans_vart 04-Grotto-Bernyk-Partisans_vart 08-Grotto-Bernyk-Partisans_vart